Il Presidente Nazionale dell’ANPI scrive alle Istituzioni sulle manifestazioni di Forza Nuova: “Ci sarà qualcuno che abbia il coraggio di vietarle?”

3 ottobre 2012 Lascia un commento »

A.N.P.I.

A S S O C I A Z I O N E N A Z I O N A L E P A R T I G I A N I D ’ I T A L I A

COMITATO NAZIONALE

____

00192 Roma – Via degli Scipioni, 271 – Telefoni 06/3211949 – 3212345 –3212807 – Fax 06/3218495

Ente Morale Decreto Luogotenenziale n. 224 del 5 aprile 1945 – Cod. Fisc. 00776550584

www.anpi.it – e-mail anpisegreteria@libero.it oppure comitatonazionale@anpi.it

Roma, 26 settembre 2012

 

 

Forza Nuova ha deciso di scendere in piazza, anzi su parecchie piazze d’Italia, il 29

settembre prossimo. E’ una vergogna! Già da tempo denunciamo il rifiorire di rigurgiti

fascisti, in tante forme, ma sempre con i soliti vessilli, i soliti richiami a ideologie fasciste e

naziste, da tempo sconfitte e superate. Adesso, abbiamo la concomitanza di undici

manifestazioni in altrettante piazze; e per parlare di “futuro”, ma soprattutto di “rivoluzione”.

Ci sarà qualcuno che abbia il “coraggio” di vietarle?

Ci sarà qualcuno – nelle istituzioni pubbliche – che abbia chiara la concezione che emerge

da tutta la Carta Costituzionale, di assoluta contrarietà ad ogni forma di fascismo?

Ci sarà qualcuno che ricorderà che il fascismo è anche quello delle leggi razziali e delle

persecuzioni contro gli ebrei e che questo basta, da solo, per rendere penalmente

illegittima, ai sensi della legge “Mancino”, qualunque manifestazione che a quella ideologia

si richiami, o ne faccia apologia o mostri di volerne continuare, in qualunque forma, la

tragica esperienza? Ci sarà qualcuno che comprende la gravità della parola “rivoluzione”,

specialmente in bocca di forze fasciste?

Vorremmo tanto che fosse così, che Governo, Ministero degli interni, Prefetti, Questori

avessero sotto mano la Carta Costituzionale e verificassero l’incompatibilità con essa

delle manifestazioni preannunziate, traendone le conseguenze. Soprattutto, vorremmo che

si considerasse che non si tratta (solo) di un problema di ordine pubblico, ma di coerenza

con i principi costituzionali.

A tutti coloro che sono preposti a queste funzioni, a partire dai vertici, chiediamo

dunque di essere coerenti con la Costituzione a cui hanno giurato fedeltà e di

impedire lo scempio che si intende proporre nelle nostre città e particolarmente in

quelle che tanto hanno sofferto per colpa del fascismo e che hanno sempre

dimostrato una netta e precisa volontà antifascista.

Un appello particolare lo rivolgiamo al Ministro degli interni, che in varie occasioni

ha mostrato saggezza e coerenza democratica: intervenga e faccia il suo dovere,

impartendo le opportune disposizioni per tranquillizzare i tanti cittadini che fremono

al solo ricordo del fascismo e non tollerano che chicchessia ce ne riproponga

l’immagine ed i simboli, arricchendoli con propositi “rivoluzionari”.

Noi vigileremo, per parte nostra; ma il compito fondamentale è di chi è stato delegato a

garantire, ad ogni livello, l’assoluto rispetto dei fondamenti e dei principi di una

Costituzione profondamente e intrinsecamente antifascista.

La democrazia deve essere difesa e garantita, prima di tutto, da parte dei pubblici poteri.

Ad essi ci rivolgiamo perché vogliano e sappiano svolgere il ruolo che loro spetta in un

Paese democratico.

Carlo Smuraglia

Presidente Nazionale ANPI

Pubblicità